Metodology 1DeepView - OSINT "Four D" MetodologyLa metodologia OSINT delle Four D è utilizzata all'interno della piattaforma DeepView per governare tutti processi tecnologici ed organizzativi coinvolti nelle attività di recupero, memorizzazione, analisi e rappresentazione delle informazioni provenienti dalle fonti Big Data; questa metodologia, sicuramente molto efficacie quando applicata ad ambienti Big Data, deve essere comunque affiancata da specifiche attività di Advisory, normalmente erogate dal DeepView Team, necessarie alla definizione dei parametri che consentano di impostare, all'interno della Piattaforma DeepView, il topic/argomento di interesse oggetto di analisi, le relative fonti informative coinvolte, la tipologie di sistemi di memorizzazione adottate, i modelli di analisi da utilizzare sui dati raccolti oppure le modalità di rappresentazione e dissiminazione dei risultati ottenuti.

Tali importantissime attività di consulenza sono classificate, nelle logiche DeepView, in due categorie:

  • Attività di Supporto alla definizione del Topic/Argomento d’Indagine (TSA);
  • Attività di Supporto alla definizione dei Processi DeepView relativi all’Argomento di indagine (PSA).

I servizi di supporto andranno riavviati ogni volta che si intende impostare un nuovo topic/argomento di indagine, oppure modificarne uno esistente in maniara significativa. Normalmente, a causa della loro specificità, tali attività sono dominio del DeepView Team, ma in alcuni casi, in base al grado di libertà che il cliente vorrà adottare, sarà possibile erogare formazione specifica che consenta alla committenza di svilcolarsi rispetto alle attività di parametrizzazione e di setup del Topic/Argomento di Indagine.

Servizi di Supporto alla definizione del Topic/Argomento d’Indagine (TSA)

Le Attività di Supporto alla definizione del Topic/Argomento d’Indagine comprendono una serie di attività consulenziali, eseguite come fase preliminare e propedeutica alle successive, che prevedono attività di assessment, analisi e design, finalizzate alla determinazione degli obiettivi e del miglior processo di indagine applicabile agli ambiti di interesse identificati dal Committente. Le attività di TSA, sono di natura progettuale e saranno composte dalle seguenti quattro Fasi di Processo:

  • Fase 1 – Valutazione preliminare delle esigenze del Committente per l’Analisi dei Dati;
  • Fase 2 – Definizione delle sorgenti (interne e/o esterne all’Organizzazione Committente) di riferimento e modellazione delle classi di informazioni che caratterizzano il dominio di indagine;
  • Fase 3 – Formulazione dei modelli di analisi;
  • Fase 4 – Validazione dei risultati di assessment.

Fase 1. Valutazione

Questa Fase prevede una serie di attività finalizzate alla Valutazione delle esigenze del Committente attraverso una raccolta preliminare dei desiderata e dei requisiti espressi per le specifiche attività di analisi dei dati. Tali esigenze saranno poi tradotte in specifiche funzionali e tecnologiche relative alla soluzione da adottare per l’analisi richiesta. Durante questa fase sarà prodotto un documento formale contenente le seguenti informazioni (elenco indicativo ma non esaustivo):

  • Obiettivi di breve, medio e lungo termine;
  • Elenco requisiti di analisi (Requisiti Funzionali e non Funzionali, i Livelli di Servizio, i Livelli di Prestazione e i fattori di scalabilità, etc.);
  • Strumenti tecnici e tecnologici previsti per le varie fasi (4D) e eventuale valutazione delle infrastrutture tecnologiche messe a disposizione dalla committenza;
  • Descrizione di massima delle tipologie di processo previste per singola fase (4D);
  • Stima di tempi, ed effort per la realizzazione delle successive Fasi di processo;
  • Tipologie di elaborazione previste (es. batch, near real- time o real-time);
  • Numero e descrizione dei connettori (Crawler) previsti per l’acquisizione dei dati (Discovery) provenienti da fonti interne / esterne all’Organizzazione, comprensivo della descrizione delle varie fonti dati che saranno utilizzate;
  • Progettazione e modellazione dei processi/algoritmi di discriminazione (Discrimination);
  • Progettazione e modellazione dei dataset prodotti durante la fase di Distillation;
  • Progettazione del modello di rappresentazione dell’output d’analisi e relative regole di distribuzione (Dissimination).

Fase 2. Definizione delle Sorgenti e Modellazione delle Classi di Informazioni

La seconda Fase del servizio TSA consiste nella raccolta delle specifiche necessarie alla realizzazione o configurazione dei connettori per l’acquisizione dei dati e nella modellazione delle classi di informazioni che caratterizzano il dominio di indagine. I dati da acquisire possono provenire da molteplici fonti eterogenee interne e/o esterne al Committente come ad esempio i Data WareHouse interni, i database relazionali interni, i dati relativi ai Social Network o comunque dati provenienti da fonti esterne strutturate, semi-strutturate o non-strutturate.
Le specifiche tecniche identificate durante questa fase, saranno utilizzate per la configurazione o realizzazione delle due tipologie di Connettori/Crawler disponibili attraverso la piattaforma DeepView: Crawler Standard e Crawler Custom, utilizzabili indistintamente sia su fonti interne che su fonti esterne all’organizzazione committente:

  • I Crawler di tipo “Standard”, sono quella tipologia di connettori, organizzati in famiglie tematiche, già realizzati e disponibili sulla piattaforma, in riferimento alla fonte dati da utilizzare; la piattaforma DeepView contempla già circa 75.000 Crawler verticali sulla specifica fonte (Facebook, Twitter, Google+, etc).
  • I Crawler di tipo “Custom” sono quella tipologia di connettori che dovranno essere realizzati ad hoc e possono recuperare informazioni dalle seguenti tipologie di fonti: Database Relazionali, Pagine Web, Blog, Forum, IRC, RSS, PAD, presenti sia sul Surface che sul Deep e Dark Web.

Durante le fasi di “setup”, sia del connettore “Custom” che del connettore "Standard", potranno essere attivate opzioni di filtraggio, campionamento, trasformazione e pulizia dei dati in ingresso. La parametrizzazione e gestione di tali componenti è accessibile attraverso il Modulo di Configurazione interno alla piattaforma DeepView.Un importante attività prevista in questa fase è la modellazione delle classi di informazioni che rappresentano il dominio di indagine, attraverso la definizione delle entità caratterizzanti e dei relativi attributi. Le entità così definite, potranno essere generalizzate attraverso la piattaforma DeepView (attraverso un meccanismo di Template), al fine di condividere il know-how prodotto sui successivi cicli di esercizio (e quindi su ulteriori Topic). In riferimento all’approccio ciclico appena esposto, in questa fase è possibile prevedere un primo processo di acquisizione che consenta di verificare che la modellazione, le sorgenti e le keyword utilizzate, siano coerenti ed efficaci rispetto agli obiettivi di indagine.

Fase 3. Formulazione dei modelli di analisi

Questa Fase comprende le attività di consulenza necessarie per la formulazione di un modello, algoritmo o programma contenente l'intelligenza necessaria per analizzare i dati raccolti e produrre dei risultati di analisi coerenti con l’argomento d’indagine, secondo le specifiche concordate con il Cliente. Durante questa fase il Team di consulenza di DeepView dovrà interpretare le informazioni afferenti l’organizzazione Committente, al fine di proporre un sistema efficiente di valutazione che possa valorizzare il modello di analisi generale, al fine di identificare, valutare e rappresentare quelle informazioni “caratterizzanti” rispetto all’argomento di indagine. Tali modelli potranno contemplare le metriche di rilevazione e correlazione relative ai servizi di Reporting, Alerting e Early Warning, necessarie per attivare i processi di segnalazione previsti nella fase di Dissimination.
La Fase in oggetto comprende, infine, le attività di configurazione della modalità di export dell’output d’analisi dei dati. Questo processo comprenderà le attività di configurazione necessarie alla trasmissione e corretta rappresentazione dei risultati di analisi, che sarà effettuata attraverso il modulo di visualizzazione della piattaforma DeepView.

Fase 4. Validazione dei risultati di assessment.

I risultati, gli obiettivi, le informazioni e le parametrizzazioni prodotte durante le fasi precedenti vengono contestualizzate in un documento di riferimento (Master Document) che sarà condiviso per necessaria verifica e approvazione da parte della committenza.

Attività di Supporto alla definizione dei Processi DeepView relativi all’Argomento di indagine (PSA)

Le Attività di Supporto alla definizione dei Processi DeepView (PSA) vengono eseguite dopo la TSA, e prevedono una serie di attività progettuali necessarie per effettuare il dimensionamento delle componenti tecnologiche e infrastrutturali in riferimento a eventuali scenari di distribuzione della piattaforma, e la conseguente definizione dei vari modelli di licensing e pricing.

Di seguito riportiamo una schematizzazione indicativa ma non esaustiva delle attività che compongono questa fase:

  • Redazione di un Progetto di implementazione della Piattaforma DeepView (basato sul Master Document prodotto attraverso le attività di TSA) contenente almeno le seguenti informazioni:
    • Obiettivi;
    • Macro-requisiti;
    • Proposta di progetto contenente i possibili scenari implementativi dei servizi (IaaS, SaaS, PaaS, Ibrido) che potranno differire per tipologia di sistema, tipologia di configurazione e strumenti utilizzati, indicando le caratteristiche di erogazione proprie di ogni singolo servizio.
    • Descrizione dei possibili scenari implementativi:
      • Progettazione dei processi di recupero, discriminazione, distillazione e dissiminazione DeepView in riferimento agli obiettivi di indagine;
      • Dimensionamento dei cluster distribuiti in termini di numero di nodi da attivare, evidenziando le risorse hardware e software minime, per ogni nodo del cluster;
      • Definizione dei sistemi di Monitoraggio;
    • Stima dei tempi e dell’effort necessari per l’attivazione della Piattaforma DeepView in base agli obiettivi evidenziati nel Master Document.

Scopri i Modelli di Distribuzione di DeepView >

Scegli il Tuo Modello di Business

On-Premise

Gestisci la piattaforma DeepView in piena autonomia installandola direttamente sulla tua infrastruttura hardware!

Scopri di più

Hybrid

Decidi come dislocare i moduli della piattaforma DeepView sulla base delle tue disponibilità hardware o delle tue necessità!

Scopri di più

Saas

Svicolati dalla gestione Hardware utilizzando DeepView, interamente o in parte, attraverso il modello Software as a Service.

Scopri di più

IaaS

Scegliendo il modello Infrastructure as a Service, potrai utilizzare DeepView su una infrastruttura esterna completamente dedicata.

Scopri di più

PaaS

Utilizzando il modello Platform as a Service, potrai utilizzare DeepView come servizio attraverso un Cloud dedicato!

Scopri di più